I romani sono Belli!

Commedia in due atti di Gabriele Mazzucco.
Adattamento e regia di Zafira Braconi.

La compagnia presenta uno spettacolo inedito, scritto da Gabriele Mazzucco e appositamente adattato per i Giullari, dedicato al grande poeta Giuseppe Gioachino Belli.

Per la prima volta una commedia ha come protagonista il padre nobile di ogni romano, colui che per primo diede voce e dignità poetica alla plebe e che per fare questo eresse un monumento in endecasillabi al popolo di Roma e con lui ad ogni popolo oppresso della terra.

La commedia si propone di portare in scena la nascita dei celebri sonetti, con la loro comicità prorompente, schietta e corrosiva, con la loro incredibile forza popolare contemperata dalla raffinata sensibilità poetica dell’autore, con la loro sorprendente modernità.

Belli è il padre dei romani. I romani sono Belli.

E tu, sei abbastanza romano?

Scarica la brochure dello spettacolo in formato pdf

Portato in scena al Teatro Sammarco (Piazza Giuliani e Dalmati 20 – Roma) a febbraio 2016 e poi replicato nel novembre 2016.

Il 18 e 19 giugno, lo spettacolo è stato proposto all’interno della rassegna teatrale TUTTINSCENA 2016, dove ha avuto un grande successo di pubblico e di critica, ricevendo molti importanti riconoscimenti.

Dopo aver ricevuto ben 7 “nomination (cioè in tutte le categorie previste dalla rassegna), lo spettacolo ha vinto ben 4 premi.

Queste le candidature ricevute:

  • Migliori scenografie
  • Migliori costumi
  • Migliore attore protagonista (Raffaello Colosimo)
  • Migliore attrice protagonista (Alessia Abacot)
  • Migliore attore non protagonista (Francesco Ladi)
  • Migliore attrice non protagonista (Cristina Giurissich)
  • Migliore regia

Questi sono i premi vinti:

  • Migliore regia – a Zafìra Braconi, (Raffaello Colosimo, Massimiliano Nistri e Filippo Braucci)
  • Migliore attore non protagonista – a Francesco Ladi per il Cardinal Poletti, Proietti il cravattaro, il Questore
  • Migliore attrice non protagonista – a Cristina Giurissich per Santa Pupa
  • Migliori scenografie – a Cristina Giurissich e Raffaello Colosimo